La differenza tra adorazione e venerazione

Differenza tra adorazione e venerazione

“Il Signore, Dio tuo, adorerai: a lui solo renderai culto” (Mt 4,10)

Nelle feste dei Santi, soprattutto nelle feste dei Patroni, è importante non lasciarsi distrarre da cose secondarie e di scarso valore religioso e concentrarsi nel santo, per realizzare attraverso di lui un vero incontro spirituale con Dio.
E’ inoltre necessario ricordare che i Santi non devono essere adorati allo stesso modo Dio ma soltanto venerati. Questa distinzione è di fondamentale importanza.
Bisogna evitare ogni comportamento, che renda praticamente il santo un sostituto di Dio nella religiosità della persona, cadendo perciò in una vera e propria forma di idolatria.

In un comportamento idolatrico stava cadendo anche l’apostolo Giovanni, l’evangelista ed il veggente dell’Apocalisse. Finita la rivelazione celeste, recatagli dall’angelo mediatore, Giovanni si stava prostrando davanti a lui per adorarlo. Ecco come egli rivela il fatto: Sono io, Giovanni, che ho visto e udito queste cose. Udite e vedute che le ebbi, mi prostrai in adorazione ai piedi dell’angelo che me le aveva mostrate. Ma egli mi disse: Guardati dal farlo! lo sono un servo di Dio come te e i tuoi fratelli, i profeti, e come coloro che custodiscono le parole di questo libro. È Dio che devi adorare (Ap 22,7). L’angelo, che si dichiara servo del Signore come Giovanni, rifiuta l’adorazione come se fosse Dio.
Un altro episodio in cui si rischia di sconfinare nell’adorazione impropria lo si può trovare in At 14,14-15.
Da qui possiamo ricavare la legge generale che è vietato e gravemente deviante dare ai Santi glorificati un culto di adorazione come a Dio. Dio solo va adorato e ringraziato come fonte e fine di tutte le grazie. I personaggi che entrano in questa categoria sono gli Angeli, Maria, i Santi glorificati, tutti servi del Signore, anche se dotati di diverse missioni e doni spirituali particolari. La devozione religiosa che si può avere nei loro confronti non deve mai sconfinare nell’adorazione. Essere devoti di Maria non vuoI dire adorare Maria, ma è darle il giusto onore che le spetta per la sua grandezza spirituale. Così è per tutti i Santi.

Tutte le manifestazioni esteriori di culto, sia liturgico che privato, che si danno agli Angeli, a Maria e ai Santi del cielo, non possono avere alcun significato di adorazione. Quando un cattolico si inginocchia e prega davanti alla tomba di un santo, non deve intendere con questo gesto adorarli, ma solo onorare la santità e la gloria di Dio presente in loro. Deve sapere distinguerli da Dio, che è essenzialmente diverso da quelle “divinità” che sono gli Angeli e i Santi. Fatto con questo spirito, la devozione ai Santi conduce facilmente alla glorificazione di Dio, che ha fatto grandi cose in loro ed è soltanto un modo di ricevere energia di santità e aiuto spirituale a contatto con un cristiano che ha raggiunto la santità perfetta.

La vera adorazione ha come oggetto Dio in persona, e questa si eleva e fa cadere gli uomini e gli angeli davanti a lui, prostrandoli in adorazione, quando su di loro si manifesta la gloria dell’Altissimo. L’uomo infatti ordinariamente non conosce Dio direttamente nella sua pura essenza spirituale, ma nelle sue manifestazioni straordinarie, in cui si rivela la sua gloria.
In tal modo chi riceve la rivelazione di questa gloria attraverso un servo del Signore e non direttamente da Dio, può cadere nell’errore di adorare colui che in quel momento gli rivela la gloria del Signore e di metterlo al posto di Dio.
Un processo analogo sta alla base dell’ adorazione di Dio di fronte alla contemplazione delle cose presenti nell’universo creato. San Paolo rivela che tutta la creazione di Dio è rivelatrice della sua gloria, costituita dai suoi stupendi ed eterni attributi (cfr. (Ro 1,20). Da qui il passo all’adorazione e alla glorificazione di Dio Creatore e al rendimento di grazie a lui è d’obbligo. Se non avviene, è perché la mente ottusa dell’uomo si è rivolta ad adorare le creature (persone, animali, ambienti, fenomeni, ecc.) a causa del loro splendore, piuttosto che il Creatore stesso.

Ai veri Santi invece, tutta la creazione parla della gloria di Dio, perché è pervasa dai suoi attributi di sapienza, di bontà, di potenza e da tanti altri ancora. Questi Santi, emanano la gloria di Dio in tutte le circostanze della vita e rendono a Lui lode ed onore di vero cuore.
E’ facile ora comprendere che con la venerazione noi facciamo riferimento al santo in quanto da lui si diffonde la gloria di Dio, mentre con l’adorazione facciamo riferimento a Dio, in quanto causa diretta della sua gloria, comunicata al santo. In tal modo la venerazione dei Santi non si contrappone né ostacola l’adorazione di Dio, ma anzi conduce naturalmente ad essa. Dio si glorifica in loro con la sua gloria comunicata loro, fatta di doni perfetti e grandi opere.

La teologia cattolica distingue molto bene Il culto di “latria” (adorazione), dovuto solo all’unico e all’eterno Dio, dal culto di “dulia” (venerazione), dovuto ai Santi a causa della loro partecipazione alla santità di Dio. Nei Santi si venera la stessa santità di Dio, che in loro è per partecipazione, in Dio per natura.
A Maria, la madre di Gesù, si dà un culto di “iperdulia”, a causa della sua santità eccellente e della sua divina maternità; si tratta comunque di semplice venerazione e non di adorazione di Maria. La devozione a Maria non è adorare Maria, ma è via che conduce all’adorazione di Dio, presente ed operante in lei. A lei l’onore come portatrice di Dio, a Dio,’ portato da lei, l’adorazione.

Il Nuovo Catechismo della Chiesa Cattolica parla dell’adorazione solo in relazione a Dio. Essa è l’atto principale della virtù della religione. Adorare Dio è riconoscerlo come Dio come il Creatore e il Salvatore, il Signore e il Padrone di tutto ciò che esiste, l’Amore infinito e misericordioso. «Solo al Signore Dio tuo ti prostrerai, lui solo adorerai» (Lc 4,8), dice Gesù, citando il Deuteronomio. Adorare Dio è riconoscere nel rispetto e nella sottomissione assoluta, il “nulla della creatura”, la quale non esiste che per Dio. Adorare Dio è come Maria nel Magnificat, lodarlo, esaltarlo, e umiliare se stessi, confessando con gratitudine che egli ha fatto grandi cose e che santo è il suo nome. L’adorazione del Dio Unico libera l’uomo dal ripiegamento su se stesso, dalla schiavitù del peccato e dall’idolatria del mondo (nn. 2096-97).

Fonte: “Il culto di Maria e dei Santi”, Don Carlo Colonna, Edizioni Shalom